Angela, stellina friulana di Onlyfans lanciata verso il porno: “Sono orgogliosa di quello che faccio”

iù che onlyfanser direi sex worker, perché faccio anche la mistress e del porno spinto fetish”. È così che la 34enne Angela, originaria di Palmanova, in arte Angye Die, defnisce la sua attività lavorativa. Tutto è nato durante il primo lockdown, quando si era trovata in difficoltà dal punto di vista economico. “Al tempo facevo una serie di professioni precarie, che però mi garantivano uno stipendio decente: pulizie, badante, varie mansioni nel settore della ristorazione. Non potendo più uscire di casa pensai alla soluzione del profilo su Onlyfans, social ancora poco conosciuto. Sono stata una delle prime qui in Friuli”. Così inizia l’avventura nell’erotismo, che però aveva avuto un precedente. “Già una quindicina di anni fa avevo fatto per un po’ la cam girl e avevo capito che potevo essere portata per questo mondo”.

L’idea del profilo è stata tua, ma come l’hai sviluppata?

Mi ha dato una mano un fotografo. Dopo aver visto dei miei scatti sui social mi aveva chiesto se fossi intenzionata a posare nuda. Io lo conoscevo di fama e la sua reputazione era buona. Così ho accettato. Mi è piaciuto, le immagini hanno avuto successo e altri fotografi mi hanno chiesto di posare per loro.

Quanto lavora al giorno una onlyfanser?

Fino a 10 ore al giorno. Non si pensi che sia un passatempo. Come tutte le attività necessita di impegno e dedizione. Ci vogliono i momenti necessari per realizzare dei video ben fatti, per scattare delle belle foto, che piacciano ai follower. Bisogna sponsorizzarsi, farsi conoscere, non farsi bannare, fare un lavoro di relazione. Il puro divertimento dura poco. 

Ora il numero delle onlyfanser sta crescendo anche da noi.

Sì, diciamo che seguo la concorrenza. Ho visto che ultimamente tante ragazze si aprono dei profili ma ripeto, bisogna considerare che non è semplice, c’è parecchio lavoro.

Come si gestisce ad arte un profilo?

Ho appreso tutto da sola, facendo tentativi ed esperimenti. Così ho imparato in autonomia i principi del marketing. Ora ci sono addirittura agenzie che gestiscono direttamente gli account, anche se la pratica è illegale.

E quanto si guadagna?

Non sono cifre esagerate. Anzi, quello che arriva direttamente da Onlyfans è poco considerando che al sito va ceduto il 20 per cento dell’incasso. Io poi faccio una politica di prezzi concorrenziale, non li tengo molto alti. Al massimo l’accesso a un video può costare 30 dollari. 

E come si fa allora?

Diciamo che Onlyfans è uno dei tanti canali che se qualcuna vuole fare questo lavoro deve tenere in considerazione, ma non può essere l’unico. A meno che tu non abbia una fanbase da centinaia di migliaia di seguaci. Per quello mi muovo anche su altri fronti.

Tipo?

A novembre ho registrato il mio primo porno e i contatti sono arrivati proprio grazie al mio profilo Onlyfans e al canale che ho su Pornohub. Questa nuova avventura è un upgrade rispetto al passato e ora sto per trasferirmi. Devo ancora decidere se a Roma o a Milano.

I tuoi cari cosa dicono?

Mia madre mi appoggia, perché ha visto il mio cambiamento. Amici e amiche mi danno grande sostegno.

Sei fidanzata?

Quando ho cominciato ero impegnata sentimentalmente e alla persona andava benissimo quello che facevo. Anzi, mi aiutava e partecipava attivamente a molte delle mie attività. Ora sono single e non avrei tempo da dedicare ad una persona, almeno finché non decido in che città trasferirmi.

Non è un lavoro ordinario.

È un modo per esprimere la mia sessualità, che è molto forte. Questa esperienza mi ha aiutato tantissimo con le mie insicurezze. Attenzione: non significa che io sia disponibile, non sono una escort.

Hai subito degli episodi di stalking?

La gente più pericolosa e molesta la trovi sui social non a pagamento, ma nessun caso degno di nota. Su Onlyfans uno sceglie di pagare ed è già educato all’uso del mezzo. 

C’è qualcuno di famoso tra i tuoi contatti?

Mi ha cercata un avvocato abbastanza noto.

Non ti spaventa il giudizio altrui?

Sono orgogliosa di quello che faccio. So che riceverò dei commenti negativi, ma mi sento anche un riferimento per tante persone che mi scrivono e che grazie ai miei consigli hanno iniziato a fare qualcosa per loro stesse. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *